le recensioni non richieste/come nel 1932, vivere Picasso a Zurigo

7 01 2011

Pablo Picasso – L’italienne 1917

Se c’è un evento (e c’è) che in nessun caso potete perdervi quest’anno è senza dubbio l’esposizione di Pablo Picasso al Kunsthaus di Zurigo. Non ve lo diciamo per passarvi il primo evento di cui tutti parlano nei dintorni, ma vogliamo piuttosto raccontarvi il nostro emozionante pomeriggio tra una 70ina di opere provenienti dalle collezioni di tutto il mondo.

Iniziamo subito col dire che ci siamo andati un lunedì, unico giorno in cui il museo è chiuso. Avremmo dovuto capirlo già da fuori, considerando che per questa esposizione c’è una coda impressionante. Tutti ci vogliono andare.

E c’è un motivo. L’esposizione attuale, che trovate fino al 30 gennaio, è la stessa, prima esposizione del 1932, con le opere selezionate dall’artista. All’ingresso trovate ancora il cartellone originale di più di 70 anni fa.

Quello che non avrete più occasione di rivedere, se vi perdete questa mostra, è come l’artista vi avrebbe guidato all’interno delle sue opere, come un percorso personale arricchito di dettagli della sua vita e contaminazioni che vi porteranno a comprenderlo e collocarlo nel suo mondo interno, con le sperimentazioni e la ricerca costante che lo ha caratterizzato.

La sensazione, percorrendo i corridoi, è che l’artista abbia cercato tutto, e tutto abbia vissuto intensamente, analizzando e scomponendo la realtà, fino a tirarla fuori e riportarla su tela.

Lo sentirete addosso, come l’abbiamo sentito noi, soffermandovi a lungo sulle opere, ascoltando la lunga narrazione offerta (l’audioguida nella vostra lingua è compresa nel prezzo, richiedetela al bancone accanto alla biglietteria). Su alcune tele, dobbiamo ammetterlo, ci siamo commossi, ci siamo seduti, abbiamo pianto dall’emozione.

Il percorso inizia con il periodo blu, per passare (e qui si vedono i passaggi più importanti) al periodo rosa, alle sculture, poi alla nascita ed evoluzione del cubismo, la vicinanza con la pittura primitiva, la fase mondana e classicista, la vicinanza al surrealismo.

Sono tanti i soggetti dedicati all’analisi del rapporto (anche erotico) tra modella e artista, e all’amore di Picasso, Marie-Thérèse Walter.

Vi impressionerà, crediamo, il ritratto del piccolo Paulo con cappello bianco, poi L’italienne, La cinture jaune, la Melancholie, Les misérables, la Jeune femme en chemise, e tutte quelle appartenenti alla fase cubista.

Per questo vi consigliamo di non aspettare.

Quello che vi proponiamo è un pomeriggio intenso, pieno di emozioni e riflessioni. Con soli 22 CHF per il biglietto intero e 14.50 CHF per il ridotto. Al termine poi potete anche acquistare il catalogo, per solo 55 CHF.

Aspettiamo di sapere cosa ne pensate, che emozioni ha suscitato in voi.

Per il viaggio, il nostro consiglio è di organizzarvi con Zurigo Turismo o con B&B.ch. Oppure di andare a un bed&breakfast molto particolare, per amatori, dal prezzo abbordabilissimo.

Potete contattare il prorietario:

Franz RUEB
Limmatstrasse 184 / D 36
CH-8005 Zürich (ZH)

T +41 44 271 75 67
M +41 79 798 05 83

Ah, mandateci una cartolina con il vostro quadro preferito, ci piacerebbe organizzarci in sala una splendida collezione di emozioni private.

Annunci




le recensioni non richieste/muoversi a Zurigo:City Notebook Moleskine o iPhone App?

4 01 2011

Su come costrurvi una guida personalizzata per Zurigo vi avevamo già dato indicazioni in novembre, adesso che è passato del tempo, e ci aspettiamo che il City Notebook Zürich Moleskine lo abbiate acquistato, (e se non lo avete potete comprarlo online o nei negozi tradizionali a Zurigo), è il momento di capire qual’è il metodo migliore per muoversi nella città. Noi ne utilizziamo due, portandoci sempre in borsa – questa borsa –

i nostri oggetti preferiti: l’iPhone e il City Notebook Moleskine.

Li abbiamo messi alla prova per capire a cosa non possiamo rinunciare e quali bisogni soddisfano.

City Notebook Zürich VS ZVV iPhone App

Il City Notebook è un oggetto piccolo e compatto, dal costo contenuto (15 euro ca.), che risponde bene alle esigenze delle persone che amano visitare una città costruendoci delle storie. Sono persone che vogliono identificarsi con i percorsi e arricchirli di valori propri. Necessitano di un mix di informazioni e spazi di creatività.

Il City Notebook Moleskine risponde a questi bisogni offrendo:

  • L’elenco dei mezzi di trasporto in città con indirizzi, numeri di telefono, siti web
  • La Key Map suddivisa in 14 zone, seguita nelle pagine successive dal dettaglio di ogni zona

  • 12 foglietti trasparenti da staccare e attaccare sopra le mappe per tracciare i vostri itinerari
  • Lo Street Index
  • La City Transport Map ZVV con City Transport Station Index

  • Il travel planning con memo
  • Le sezioni tematiche per annotare luoghi, locali, nomi, info, shopping places, art, books, music, movies, e altre 6 sezioni che potrete personalizzare con le etichette proposte o con le etichette da compilare a piacere

  • 32 foglietti volanti da staccare e utilizzare per messaggi volanti targati Zürich

Si presenta come una guida completa per quelli come noi, a cui non piace sapere dall’inizio dove si sta andando.

Riassumendo diremmo:

  • Content: 10
  • Usability: 8.5 (Functions’ findability: 6)
  • Design: 9

Nota negativa: Il testo troppo piccolo in alcune pagine informative (come la pagina Transport e le pagine di indicazione delle vie) fa sì che non vengano notate immediatamente.

L’applicazione ZVV per iPhone, offerta gratuitamente da ZVV, risponde alle persone che necessitano di spostarsi all’interno della città (o verso l’esterno) e di avere costantemente accesso a tutte le informazioni. Risponde in modo molto pratico a tutte le necessità di spostamento, focalizzandosi sulla puntualità e precisione delle informazioni. Vi guida letteramente a destinazione, permettendovi anche di salvare i percorsi nel giorno in cui dovete utilizzarli.

Nel dettaglio vi offre:

  • La funzione Favorites, con cui potete selezionare destinazioni e percorsi e scegliere tra un’ampia gamma di opzioni

  • La door-to-door timetable, uguale a quella utilizzata dalle SBB, ma con possibilità di inserimento dell’indirizzo esatto di destinazione
  • Le tabelle di partenza e arrivo con le indicazioni fermata per fermata in tempo reale (puntuale, in ritardo, ecc…)

  • Le indicazioni sulle fermate più vicine a voi

  • La funzione cerca per le fermate, gli indirizzi e i punti di interesse

  • La visualizzazione delle fermate in successione e delle indicazioni dei tratti a piedi

  • La possibilità di salvare le destinazioni nel calendario dell’iPhone e averle già pronte per il viaggio

Ci piace perchè nel nostro casino ci permette di sapere esattamente dove trovare quello che piace nella city e ci fa sentire sicuri che arriveremo a destinazione just in time.

Riassumendo diremmo:

  • Content: 9
  • Usability: 6.5 (Functions’ findability: 5.5)
  • Design: 9

Nota negativa: non permette di salvare note sui punti di interesse e manca un search per le funzioni.

Dovendo proprio scegliere non rinunciamo, a nessuna delle due. Vi indichiamo, quello che per voi potrebbe essere meglio. E certamente potrebbe essere meglio venire a visitare questa splendida città, soprattutto perchè da ieri sono iniziati i saldi!

Privatamente scegliamo poi la nostra guida migliore per Zurigo, le persone, che ci hanno portato in questi anni nei luoghi che più amiamo di questa città, a sapere dove comprare una cover iPhone e una lampada vintage, dove mangiare un panino con la mozzarella di bufala, dove trovare tofu e ramen, dove guardare una mostra e a un evento social. E nei momenti migliori, con un mango lassi a parlare di niente in tutte le lingue.





le recensioni non richieste/una cena per due a Zurigo

3 01 2011

Se siete in giro a Zurigo, come noi, per il brunch, l’aperitivo o la cena (e di gradi oggi ne abbiamo pochissimi) è il momento di provare il miglior cibo vegetariano e vegano disponibile su questo lato del pianeta.

L’Hiltl, noto come il primo ristorante veg europeo, fondato nel 1898, propone senza dubbio il miglior mix per una serata semplicemente perfetta. Da un lato ristorante, dall’altro lounge bar con buffet, dall’altro club, è ottimo per ogni momento di break vogliate concedervi.

La nostra parte preferita è poi senza dubbio la libertà. Amiamo sederci al ristorante e sapere di poter scegliere dalla carta o passeggiare tra il buffet e soccombere a tutte le tentazioni proposte.

Basta riempire il piatto, pesarlo e prendere lo scontrino. Al lounge bar ci piace alzarci svariate volte, prendere ancora qualcosa, pagare col bancomat, ordinare ancora un mango lassi.

Il tutto a un prezzo più che abbordabile. Volete un esempio?

Cena per due

Riz Casimir Fr. 25.50

Rösti & Gemüse Fr. 22.50

Calice di vino: Fr. 7.50/ciascuno

Dal buffet – Macedonia di frutta, mousse di mango, crema di vaniglia e uva: Fr. 10.-/ciascuno

Totale: Fr. 83.- /66 €

Il tutto con la possibilità di prenotare via Facebook e Twitter.

Avete ancora un buon motivo per non andare?





le recensioni non richieste/una pausa caffè a Zurigo

23 11 2010

Se siete in giro per Zurigo stamattina (e stamattina piove e non si ha troppa voglia di stare in giro) è arrivato il momento di fermarsi a prendere un caffè, una fetta di torta, un attimo di completo relax in uno dei tanti caffè del centro. Ce ne sono molti, uno più bello dell’altro, ma noi vogliamo suggerirvi i nostri preferiti, quelli in cui spesso facciamo colazione, merenda, pranzo, passiamo il tempo a chiacchierare un misto italiano – inglese – tedesco – svizzero tedesco, come ci viene (e il bello è che ci capiamo).

In pieno centro non potete farvi mancare il Cafè Henrici, piacevole e caldo, fa un’ottima cioccolata, un White Coffee che adoriamo, e assolutamente da provare la Flammkuchen, una sorta di mix tra piazza e piadina che non dimenticherete facilmente.

Non lontano potete trovare il dolcissimo Cake Friends, piacevole sempre, con il logo di un cuore e una bandierina svizzera, il menù che si infila nel tavolino, sedie e poltrone comodissime, camerieri in splendidi vestiti fiorati, sempre sorridenti. Qui potete scegliere dolce, salato, caffè, tutto, ma proprio tutto quello che possono offrirvi vi farà girare la testa. Noi vi consigliamo anche l’insalata e la torta salata per pranzo.

Un po’ più fuori (ma sotto casa nostra :p ) Le pain quotidien, dove abbiamo certamente sperimentato le colazioni migliori della vita. Ci andiamo spesso la domenica, e ordiniamo il cestino di pane con marmellate, miele, formaggi e frutta, accompagnato da mango lassi e caffè. Con le sue copertine con crocetta svizzera, l’ambiente familiara, il tavolone grande, i colori pacati non vorrete più andarvene.

Proprio come noi 🙂





il digitale a Zurigo

22 11 2010

Se siete come noi, che nel mondo digitale ci abitiamo buona parte del nostro tempo, e volete fare un giro nel digitale nordico (nordico q.b.) tra spunti e riflessioni su come il digitale ha cambiato e soprattutto cambierà la nostra vita,  è arrivata l’ora di muoversi verso «Home – benvenuti nel mondo digitale» all’interno del programma  GameCulture di Pro Helvetia. La mostra è un concentrato di spunti, workshop, messaggi multimediali e laboratori da non perdere.

Se invece siete innovatori, avete idee, proposte e non vedete l’ora di discuterle con altri come voi (e magari siete tra i follower dell’Hub di Milano) è il momento di partecipare agli appuntamenti di The Hub Zürich, nato la scorsa estate e ricco di eventi da non perdere.

Sempre sulla stessa onda le proposte continuano con i Creative Mornings che a Zurigo avvengono nei migliori caffè al mattino presto, per iniziare al meglio la giornata con nuove conoscenze, idee e ottimi dolci.

Se invece non avete trovato quello che cercavate, provate su Tech Up, il luogo migliore per trovare tutti gli appuntamenti tech in Svizzera.

Se (come a noi) vi piace la fotografia, e più che mai la fotografia social, (e noi che organizziamo i Photowalk italiani ne siamo esperti), il nostro vivissimo consiglio è di seguire il gruppo di Photowalker Svizzeri, che di appuntamenti interessanti ne organizzano in tutto il paese e vi vizieranno anche con uno shop. Tra l’altro la maglietta rossa con fotocamera è opera di Alice, la nostra scoppiettante coinquilina.

Se poi vedete che il giro vi piace e volete condividere le foto con altri appassionati, imperdibili sono i ZüriFlickrDrinks, che il prossimo è mercoledì, appuntamento alle 18:30, alla Polyterrasse.

Non mancate!





perché dovreste avere un F48 Hazzard

19 11 2010

e visitare il Freitag Shop di Zurigo.

Perché con un F48 si può volare.





per quelli che/costruirsi una guida per Zurigo

12 11 2010

(E soprattutto per Fru)

Zutaten

Vorbereitung

  1. Ordinare un City Notebook Zürich dallo store Moleskine (15,50 €).
  2. Selezionare i post dal blog di Zurigo Turismo con tutte le dritte su luoghi da visitare, eventi da non perdere, vie dello shopping e contatti che vi interessano.
  3. Importare i post sull’MSK suddivisi per tipologia (potete scegliervi il template che preferite), stampare, ritagliare e incollare tra le pagine del vostro City Notebook ricco di informazioni su Zurigo. Se non avete capito come, guardate il video.
  4. Prenotare un biglietto per Zurigo, la Zürich Card e l’hotel con Zurigo Turismo, ricevendo un buono omaggio di 100 CHF per fare shopping alla Manor.
  5. Mandarci una cartolina con tanti saluti in svizzerduccio.







%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: