le suggestioni non richieste/nuove leve cercasi per serate english speaking a lugano

21 01 2011

Qualche post fa vi abbiamo parlato del Lugano English Speaking Group, che si riunisce un venerdì di ogni mese per parlare inglese e conoscere nuove persone. Per quelli come noi, che quasi sempre il venerdì sera partono per Zurigo o Grigioni, partecipare non è sempre facile.

Quello a cui abbiamo dato vita ieri sera, insieme ad altri ragazzi del posto, è un meetup informale che si riunisce quando ha voglia e si organizza spontaneamente, in settimana, per spezzare la routine, ridere tantissimo e praticare un po’ di inglese.

Dopo la splendida serata di ieri, adesso siamo alla ricerca di nuovi entusiasti, english speaking, open-minded e di ogni nazionalità, per fare crescere il gruppo e dare vita a eventi sempre più interessanti, che possono spaziare dalla raclettata al pattinaggio sul ghiaccio, alla gita in montagna.

Se volete essere dei nostri, e ci farebbe molto piacere, scriveteci dove vi pare, ma scriveteci, e proviamo a rivivere insieme quello che adesso vi sembra solo un lungolago.

Vi aspettiamo! 🙂





le suggestioni non richieste/essere nuove a Lugano (e non solo)

20 01 2011

e avere voglia, come noi, di conoscere un sacco di gente nuova e interessante, con cui parlare quelle quattro o cinque lingue che vi piacciono, partecipare a una cena, un torneo di tennis o golf, una serata di cucina internazionale, un pomeriggio al museo, una gita in montagna.

Succede a Lugano, e in altre svariate località, con l’International Women’s Club of Lugano (IWCL), fondato nel 1988 in questa piccola quasi capitale del Canton Ticino.

La prossima serata è martedì 25 gennaio, alle 19:30, all’Osteria Penel.

Iscrivetevi per partecipare, e, ci vediamo lì. 😉





addio lugano bella

18 11 2010

Pietro Gori, 1895 / Questo e quello, 1964

Addio, Lugano bella, o dolce terra pia, scacciati senza colpa, gli anarchici van via, e partono cantando, colla speranza in cor, e partono cantando, colla speranza in cor.

Ed è per voi sfruttati, per voi lavoratori, che siamo ammanettati, al par dei malfattori; eppur la nostra idea, è solo idea d’amor, eppur la nostra idea,  è solo idea d’amor.

Anonimi compagni, amici che restate, le verità sociali, da forti propagate: e questa è la vendetta, che noi vi domandiam, e questa è la vendetta, che noi vi domandiam.

Ma tu che ci discacci, con una vil menzogna, repubblica borghese, un dì ne avrai vergogna, ed ora t’accusiamo, in faccia all’avvenir, ed ora t’accusiamo, in faccia all’avvenir.

Scacciati senza tregua, andrem di terra in terra,  a predicar la pace, ed a bandir la guerra: la pace tra gli oppressi, la guerra agli oppressor, la pace tra gli oppressi, la guerra agli oppressor.

Elvezia, il tuo governo, schiavo d’altrui si rende, di un popolo gagliardo, le tradizioni offende, e insulta la leggenda, del tuo Guglielmo Tell, e insulta la leggenda, del tuo Guglielmo Tell.

Addio, cari compagni, amici luganesi, addio, bianche di neve, montagne ticinesi, i cavalieri erranti, son trascinati al nord, e partono cantando, con la speranza in cor.

Addio, Lugano bella, o dolce terra mia, scacciati senza colpa, gli anarchici van via, e partono cantando, colla speranza in cor, e partono cantando, colla speranza in cor.

Ed è per voi sfruttati, per voi lavoratori, che siamo ammanettati,  al par dei malfattori; eppur la nostra idea, non è che idea d’amor, eppur la nostra idea, non è che idea d’amor.

Anonimi compagni, amici che restate, le verità sociali,  da forti propagate: è questa la vendetta, che noi vi domandiam, è questa la vendetta, che noi vi domandiam.

Ma tu che ci discacci, con una vil menzogna, repubblica borghese, un dì ne avrai vergogna, ed oggi t’accusiamo, di fronte all’avvenir, ed oggi t’accusiamo, di fronte all’avvenir.

Banditi senza tregua, andrem di terra in terra, a predicar la pace,  ed a bandir la guerra: la pace tra gli oppressi, la guerra agli oppressor, la pace tra gli oppressi, la guerra agli oppressor.

Elvezia, il tuo governo, schiavo d’altrui si rende, di un popolo gagliardo,  le tradizioni offende, e insulta la leggenda, del tuo Guglielmo Tell, e insulta la leggenda, del tuo Guglielmo Tell.

Addio, cari compagni, amici luganesi, addio, bianche di neve, montagne ticinesi, i cavalieri erranti, son trascinati al nord, i cavalieri erranti, son trascinati al nord.

(per alice, per ogni momento diviso in questa terra bellissima, che il ticino è una cotoletta, ma un cotoletta tutta nostra)





per quelli che/questo week-end in Ticino

13 11 2010

vorrebbero passare questo fine settimana in Ticino, tra il sole, il lago e il cioccolato, a Lugano c’è Eurochocolate 2010, con un programmino di eventi permanenti, temporanei, quiz, degustazioni e quant’altro. Dopo un giro tra le ciccolate imperdibile la manifestazione Nippon Lugano, dedicata al Giappone, tra cui vi consigliamo le fotografie di rara bellezza di Araki.

Per chi invece si trova dalle parti di Mendrisio abbiamo la Fiera di San Martino, che torna ogni anno con bancarelle di prodotti nostrani, artigianato, prodotti tipici a pranzo e cena, macchinari, attrezzature e animali della fattoria.

Per chi con un bicchierino di troppo volesse dilettarsi nel karaoke, domenica sera a Bellinzona Imbarco Immediato propone il penultimo dei Sunday’s Happy Gays 2010, che vi consigliamo vivamente per il divertimento e la bella compagnia.

Se poi non avete trovato nulla da fare in questo post e vorreste altro, vi consigliamo di scaricare sul vostro iPhone l’applicazione iTicino, che di suggerimenti per voi ne ha a volontà. Non avete l’iPhone? Organizzatevi con il sito di Ticino Turismo!

Buon week-end e passate a trovarci! 🙂





you are not welcome

28 09 2010

forse c’è un problema che va risolto, se abbiamo una campagna contro stranieri e frontalieri.

Non sappiamo bene di che natura, ma nella Svizzera a cui pensiamo noi c’è un’integrazione possibile.

Ci chiediamo spesso ultimamente se questa parte della Svizzera, dell’Italia, di ogni altra nazione alla fine esista o se straniero è sempre straniero e paura è sempre troppa paura.





le recensioni non richieste/loro non ve lo dicono

25 02 2010

e allora, ve lo diciamo noi.

al MacDonald’s di Lugano, sul lungolago, lontano dal menù abbastanza per non essere saputo, c’è il Veggie Mac, ma solo per i clienti speciali.

E allora, richiedetelo, e dite pure che vi abbiamo mandato noi.

cronache insubriche, lugano 2010.





siamo arrivati

13 01 2010

e possiamo dirlo, in questo primo bilancio dei quasi 30, siamo arrivati amici. Tardi, per un copywriter, da perdere l’ultimo treno della costruzione metaforica risonata e sonante, interessante, ma siamo comunque approdati nel campo, di grano e cotone, di soddisfazione.

Siamo arrivati. Col TILO a Lugano, in quella Svizzera che cercavamo, di sopra delle pretese e delle sorprese, delle felicitudini. Siamo arrivati, e in molti ci avete chiesto di come stiamo, di cosa facciamo, e dobbiamo poi dirvelo, che il nuovo anno è iniziato meglio d’ognuno dei precedenti, di carte sul tavolo e cartoline, che dai grigioni abbiamo spedito in d’ogni dove.

Crediamo ancora si possa fare, sperare sudare, partire, provare a capire.

Viviamo in quell’angolo di Italia che ancora confina, a un passo più a sud di tal nota dogana, sull’ultima cima d’una montagna isolata, eppur sistemata, di mezzo alli altri che nemmeno ci vedono. Ci contorniamo, di amici di nord e di sud insubricamente presenti, parenti, a tratti.

Bassotti, che ci hanno seguito in tutte le case che abbiamo lasciate, smarrite, ricostruite.

Ci felicitiamo, d’attraversare ogni giorno tal noto confine al sonare di Alice, movendoci svelti per ogni mattina di nuovo lavoro, di riso e risate, di insalate.

Siamo tra i fortunati che arrivano sopra Lugano prima dell’8 tra guanti e cappuccio, che dicon mi piaccio. Che dicon beh anche questa mattina siamo arrivati, e non ci siamo sbagliati.

Ringraziamo Sketchin, web design and more studio in Canton Ticino, dove abbiamo il privilegio di seguire progetti come UXmagazine e UXconference, e tutti gli uno che credono ancora in un mondo possibile di esperienze gradevoli.

à vous.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: