a passi lunghi e ben distesi

4 05 2008

Se avete superato la prova Lugano e avete ancora voglia di Svizzera siete dei nostri. Procediamo per piccoli passi che a bruciar le tappe qui si fa peccato. Locarno, stupenda cittadina sul Lago Maggiore con vista panoramica e piazzetta bomboniera ci regala un respiro un po’ più international. Tentenniamo, muovendoci ancora con fare da autentici amateur abilissimi nel fingersi esperti viaggiatori e conoscitori approfonditi del continente elevetico. Iniziamo da una passeggiata di quelle dalle emozioni forti, scopriamo che tra cime e uccelli acquatici la città gode di un microclima mica da ridere che ci regala splendidi esempi di vegetazione mediterranea e subtropicale. A questo punto presi dall’imbarazzo della nostra elvetica ignoranza iniziamo a sudare maledicendo il subtropico che ci ha presi in contropiede. Recuperiamo subito parlando ai nostri seguaci più ignoranti di noi (che della Svizzera ignorano tutto quanto non sia composto al 75% da cacao) il perchè e il percome del famosissimo Festival Internazionale del Film che noi che un po’ di cinema lo abbiamo studiato all’università riusciamo abilmente a citare Rossellini e la Magnani il cui nome italico ci rassicura per il successivo quarto d’ora. Il pardo dorato inutile dirlo ci apparirà in sogno per i prossimi sette giorni facendoci pentire tanta ostentazione. Superata la gaffe ci dirigiamo verso qualcosa che conosciamo bene e per stabilità e imponenza ci infonde una certa tanto agognata sicurezza. Il Castello Visconteo in tutta la sua bellezza, le piccole strade della città vecchia che ci riportano ai tempi antichi e ci sorprendiamo a canticchiare musichette medievali da corso di quarta liceo, le locande e trattorie caratteristiche in cui possiamo concederci un bicchiere di troppo per conformarci ai locali che scopriamo instancabili beviteur, via Cittadella, il mercatino medioevale e la Chiesa di Santa Maria Assunta che fin troppo ci ricorda le nostre origini che tentiamo invano di mimetizzare intessendo nordiche frequentazioni. Raccogliendo i nostri tentativi finiti in un grande buco nelle acque splendide del lago torneremo a casa imbevuti di tanta cultura e un po’ più consapevoli che la ricchezza di questi luoghi somiglia un po’ al consiglio della nonna che instancabilmente ci ricorda della bellezza nelle piccole cose come anticamera delle più alte cime.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: